E’ arrivato insieme ad altri, miei e delle mie ragazze, nell’ultimo pacco IBS…
Già lo sapevo, ma quando l’ho visto ne ho avuto la certezza: al cuor non si comanda e certi amori sono destinati a non finire mai.
L’ho sfogliato di sera, in un silenzio di neve irreale, nella tranquillità del mio dopocena e mi sono lasciata rapire.

Image of I tetti di Parigi
Sono raramente una persona invidiosa, di solito mi limito a desiderare … questa volta ho invidiato – nell’ordine che preferite – chi ha dipinto gli acquarelli, chi ha scritto le poesie a commento e i privilegiati che attraversano quotidianamente le meraviglie raccontate dal libro, magari inconsapevoli di essere dei privilegiati.
Desidero spesso essere altrove, e questo è il mio altrove per eccellenza.
Cerco di consolarmi dicendomi che Parigi è uno stato mentale coltivabile ovunque…. ma non ci credo.
E’ un amore vero, immotivato ed assoluto… come tale non accetta critiche e non vede difetti.
Mi lascia senza parole ogni volta, con un desiderio ed una malinconia che fanno fatica ad andarsene.
Annunci