… per fortuna finirà! (trallallalla)
va bene, basta così.
Però, per fortuna ci siamo quasi.
Luglio con la sua lunghezza, abituale solitudine, superlavoro, super caldo, stanchezza, ricorrenze che vorrei saltare a piè pari, anche quest’anno è praticamente andato.
E, tutto sommato, si è comportato meglio di altri anni.
Forse perché non ho patito il caldo come al solito (mi dispiace tanto per i vacanzieri, figlie comprese, ma io sono stata divinamente), forse perché questo clima settembrino ha evitato di amplificare una stanchezza inevitabile, forse perché ho fatto tanta fatica e tanto lavoro su me stessa, ma qualche cosa è andata meglio.
Ma con tanta fatica…
Le amicizie sono sempre state per me un punto di appoggio importante, e quando non ci sono la mancanza si fa sentire.
Per fortuna, al di là della routine stravolta dall’estate, ci sono state occasioni di incontri inaspettati, di uscite rasserenanti e spensierate e di pranzi con una vecchia amica e la sua nuova e bellissima pancia che mi hanno dato quella certezza e quel senso di “presenza” e continuità che per me sono vitali ed insostituibili
Probabilmente è un mio tratto infantile, uno dei pochi che mi concedo; ma è decisamente così.
Grazie luglio, quest’anno sei stato più gentile, e te ne sono grata.
Forse per un po’ sarò anch’io in pausa estiva, o forse no.
Intanto, buone meritate vacanze a tutti.
Annunci