Ti sgrido un giorno sì e l’altro pure, dicendoti (ehm.. Forse strillandoti, ora che ci penso) che ti ho fatto con una testa sul collo e che quindi sei pregata di usarla. Tu continui imperterrita a farne l’uso che vuoi, sporadico e casuale, dal garantito effetto sorpresa, a modo suo anche affascinante, ma per una come me pure un po’ irritante. Poi, in un sabato splendente di sole come oggi, te ne arrivi con una faccia più splendente del sole. La conosco quella faccia, la sfoderi ogni volta che stai per tirarmene una. E mi dici: ti ho mandato un’immagine su whatsapp, sai.. un po’ come quella che ti era piaciuta l’altro giorno e che hai subito girato alle tue amiche del caffè ( ma un po’ di privacy no, in questa casa?). Seguono immagini, per chi non è fra le amiche del caffè.

IMG_4421

  IMG_4400 Non è che ‘ste robe siano una novità, è da un po’ che si vedono in giro (sai, ci sono anche su FB, hai presente? ma quale presente! io detesto FB e tu, piuttosto, che ne sai di FB? A dodici anni scarsi non ci potresti neppure infilare il naso, quindi da chi lo guardi??)
Comunque, concludi la sceneggiata dicendo: hai visto? la testa non serve mica sempre, se la usassi in questo caso non arriveresti a leggere alla seconda riga.
Te ne torni da dove sei venuta, saltellante e tutta goduta, lasciandomi come un’oca a finire di stendere il bucato.

Annunci