Sono rappresentante di classe da Elisa, seconda liceo scientifico.

Mi piace tenere d’occhio un po’ da vicino quello che succede a scuola, soprattutto quando – come l’anno scorso – si trattava di scuola per me completamente nuova e sconosciuta, della quale volevo capire meglio i meccanismi.

La verità vera poi prevede anche che si dica che nessunissimo genitore su una classe di 27 aveva voglia di essere rappresentante… mi pareva abbastanza vergognoso. Così, insieme ad un’amica, ci siamo fatte coraggio a vicenda e ci siamo immolate (il sacrificio presumibilmente durerà per 5 anni 5, a meno di miracoli).

Comunque.

Oggi Elisa mi chiede di chiamare il prof di fisica, il quale ha bisogno di parlarmi in merito al viaggio di istruzione che sta organizzando per i ragazzi. Vorrebbe l’opinione delle famiglie prima di portare la proposta in consiglio di classe, avere un’idea di massima sul numero dei partecipanti effettivi per essere più preciso sui costi, eccetera.

Perfetto, gli dico io al telefono dopo amabile conversazione: mando subito una comunicazione ai genitori tramite registro elettronico, in quanto non tutti ci hanno comunicato indirizzo mail o numero di telefono. Poi, continuo io, le farò sapere sempre tramite registro come è andata la consultazione.

Ah, ottimo dice il prof, che ha le sembianze e la gentilezza di un Babbo Natale un po’ trasandato: però, sa.. io sono contemporaneamente insegnante e genitore in questo liceo, e non ho ancora imparato ad usare il registro elettronico in nessuna delle due vesti.

Andiamo bene… vedremo come fare.

Redigo diligentemente la comunicazione sul registro, la invio a tutti i genitori e mi propongo di aspettare con pazienza. Poi mi ricordo che il quadrimestre è appena finito, le pagelle sono appena state pubblicate e non ci son ancora voti di verifiche da andare a controllare: totale, potrebbero passare settimane prima che qualcuno si accorga dei messaggi.

Chiamo Elisa e le chiedo di mandare un avviso tramite il gruppo classe su Whatsapp, pregando che i genitori vadano a leggersi le comunicazioni. Fatto. Risposte totalizzate sino ad ora: 1 su 27. Anzi, facciamo 26.. Che io mi rispondo da sola.

Il resto è tutto in discesa… devo solo aspettare 25 risposte (magari risollecitando i genitori  tramite il gruppo dei figli…) e poi rifare una chiacchierata con Babbo Natale.. che non sa usare il registro né come genitore né come insegnante.

Ma un bel foglietto di carta in andata e in ritorno?

Annunci