Sono amareggiata e triste, come molti.

Quindi, per sfogarmi, vi devo affliggere con la mia piccola, personalissima e riduttiva riflessione su Brexit, con la scontata premessa che non sono certo io ad avere la competenza per comprendere a fondo le ragioni e la portata di questa decisione.

Al di là della distribuzione geografica, quello che mi ha colpito è l’età di chi ha votato “leave”.

Gli over 65 hanno influito in modo determinante su quello che sarà il futuro dei nostri (ma, in verità, forse soprattutto dei loro) figli, ancora una volta senza lasciare loro la possibilità di provare a cambiare in meglio quello che in questa Europa indubbiamente non funziona.

Può essere?

Ripeto, è riduttivo; e rischia di essere considerato irrispettoso nei confronti di questa fascia di elettori che ha legittimamente espresso il proprio parere. Peccato che non saranno loro a doverne gestire le indubbie conseguenze.

Annunci